Home / Scuola Calcio / Informativa

Informativa

Scarica l’informativa in formato pdf

 

PROGRAMMA TECNICO – INFORMATIVA

 

Il progetto Dreaming Football Academy nasce dall’esigenza di trasferire le nostre idee e la nostra etica del lavoro all’interno di una scuola di calcio, intesa come un luogo di aggregazione, un piccolo parco divertimenti nel quale sviluppare la propria passione con il sorriso. Il nostro lavoro di scouting ci ha permesso di girare l’Italia in lungo e in largo avvicinandoci a realtà professionistiche e non e di confrontare le diverse metodologie di approccio all’attività di base. Siamo fermamente convinti che anche in un contesto dilettantistico sia possibile proporre un sistema che ricalchi quello professionistico. Siamo consapevoli che la scuola calcio rappresenti un momento di divertimento e di socializzazione per il bambino e che quindi le attività propriamente ludiche siano maggiormente aderenti alle loro aspettative. Inserendo delle pillole di lavoro analitico e sistematico, alternato e mescolato con il lavoro ‘classico’, è possibile stimolare ed aiutare maggiormente il bambino al raggiungimento degli obiettivi.

Il nostro programma tecnico si basa su concetti piuttosto semplici, che devono fungere da linea guida per la definizione dei cicli, mesocicli e microcicli che ogni allenatore ci presenterà, in linea con i principi suggeriti dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio:

 

LAVORO A STAZIONI:

 

Ogni gruppo svolgerà l’allenamento alternandosi su tre differenti stazioni, ruotando ogni 20 minuti in modo che al termine della seduta, ogni bambino avrà lavorato su ciascuna stazione. La prima sarà curata dall’istruttore assegnatario del gruppo e si baserà su proposte di tecnica situazionale. La seconda sarà curata dall’istruttore della tecnica, che proporrà esercitazioni prettamente analitiche. La terza sarà seguita da un preparatore motorio, specializzato nello sviluppo degli schemi motori attraverso attività ludiche che stimoleranno la progressione delle doti coordinative, imprescindibili per lo sviluppo della tecnica individuale. In questo modo ogni istruttore specializzato potrà lavorare in piccoli gruppi, con la possibilità di seguire maggiormente i bambini evitando pause troppo lunghe. Si tratta di una seduta totalmente integrata, il contenuto e gli obiettivi dell’unità di lavoro nascono da un confronto tra i tre allenatori e il responsabile: si ricerca il medesimo obiettivo, ma da punti di vista differenti. I primi 10 minuti sono sempre dedicati all’avviamento, gli ultimi 20 a partite a tema.

 

TECNICA INDIVIDUALE ATTRAVERSO L’1 VS 1:

Nella maggior parte delle proposte situazionali si cercherà di coinvolgere bambini in attività uno contro uno (due contro due/tre contro tre), che possano aumentare l’autostima, la consapevolezza dei propri mezzi e la ricerca del contatto fisico, oltre alle abilità in dribbling. Un altro concetto che vorremmo introdurre, in piccole pillole, è lo sviluppo degli schemi motori nel dominio aereo. Si tratta di un contesto in cui il bambino trova maggiori difficoltà e in cui è richiesto un maggiore adattamento motorio. Inserendo esercitazioni ludiche e stimolanti come minigames e sfide, il bambino affronterà le difficoltà del dominio aereo con maggiore serenità, sviluppando e potenziando al massimo le doti coordinative, fondamentali per il lavoro sulla tecnica. Si cercherà infine di lavorare su un ritmo sempre crescente, stimolando i bambini soprattutto dal punto di vista verbale.

STAFF SPECIALIZZATO:

 

  • Allenatori scuola calcio con qualifica federale e laureati IUSM, rispettando i rapporti di 1:15 imposti dalla federazione
  • Allenatore della tecnica in pianta stabile, che proporrà esercizi stimolanti e creativi
  • Preparatore motorio: presente in pianta stabile, specializzato nello sviluppo degli schemi motori nei bambini della scuola calcio.
  • Preparatore dei portieri: svilupperà un progetto per coinvolgere i giovani portieri con esercizi nuovi e stimolanti, utilizzando alcuni apparecchi specializzati e proposte altamente creative ed innovative
  • Psicologo dello sport: esercizi specifici per lo sviluppo delle proprietà cognitive e supporto per le famiglie

 

INSEGNAMENTO INDUTTIVO:

 

La metodologia di allenamento si baserà interamente sul concetto di ragionamento induttivo. Ogni proposta sarà ovviamente introdotta ed accompagnata da una serie di spiegazioni e correzioni. I bambini saranno però sempre stimolati a cercare la soluzione in maniera autonoma, attraverso il ragionamento, partendo dall’esperienza sensibile per arrivare alla teoria (e non il contrario). L’allenatore coinvolgerà i bambini con domande e confronti per stimolare alla riflessione. Questo sistema verrà applicato anche nelle partite. L’allenatore non potrà suggerire giocate in anticipo, ma si limiterà ad incoraggiare i giovani calciatori e a suggerire correzioni al termine di ogni singola giocata. Questo perchè il bambino deve essere sempre libero di scegliere e di sbagliare autonomamente senza essere mai imbrigliato in indicazioni rigide e giocate preconfezionate.

 

DIVERTIMENTO & SOCIALIZZAZIONE:

È l’aspetto più scontato sulla carta, ma quello più difficile da controllare. La percentuale di abbandono negli anni dell’attività di base è molto alta e spesso dipende dalla scarsa competenza o dal coinvolgimento blando dello staff, oltre che da proposte poco stimolanti. La nostra idea è che il giovane calciatore debba sempre uscire dal campo con il sorriso, consapevole di aver svolto un lavoro divertente e stimolante ma anche utile al suo obiettivo di diventare un bravo calciatore. Il nostro obiettivo è di fornire degli strumenti e delle metodologie che possano portare i giovani calciatori a sviluppare il loro potenziale nel miglior modo possibile, qualunque sia il livello di proiezione, senza mai perdere di vista lo scopo primario di qualunque attività sportiva: il divertimento e la socializzazione.

L’allenatore della tecnica sarà presente in tutte le sedute delle categorie 2007/2008. Per lapreagonistica 2005/2006, l’ultimo allenamento settimanale sarà curato esclusivamente dagli istruttori assegnatari dei due gruppi e riservato alla preparazione della partita.

 

Il preparatore motorio sarà presente in tutte le sedute delle categorie dai 2007 ai 2012. Per la preagonistica 2005/2006, l’ultimo allenamento settimanale sarà curato esclusivamente dagli istruttori assegnatari dei due gruppi e riservato alla preparazione della partita.

 

 

 

 

Scarica l’informativa in formato pdf